Pagina 1 di 1

Regolazione cime

Inviato: 03/12/2020, 14:11
da Giovanni3
Approfittando, per ora, della mia inesperienza faccio una domanda banale.
Quando si ormeggia di poppa con un motore fuori bordo come bisogna regolare le cime tra la banchina e la barca? Devono essere tese sia dalla parte del corpo morto o boa e sia dalla parte della banchina lasciando 40/5o centimetri per poter scendere o dalla parte della banchina lasciare un po’ di imbardo? Grazie mille e scusate se la domanda è banale :facepalm

Regolazione cime

Inviato: 03/12/2020, 17:11
da ilbarcarolo
Bisogna vedere le singole situazioni, le cose sono diverse se ti trovi in acque ben protette o meno. In ogni caso è opportuno lasciare del lasco, assicurandosi ovviamente che la barca e in particolare il fuoribordo non possa in alcun modo andare a urtare la banchina. Al contrario è bene che non vi si possa mai avvicinare neanche troppo in caso ad esempio di forte vento di prua. Meglio lasciare più spazio e tirare la barca a se per salirvi.

Regolazione cime

Inviato: 03/12/2020, 18:55
da Giovanni3
Grazie mille. Molto chiaro. Quindi prima regolo la distanza tra poppa e banchina (lasciando solo 50 cm) poi vado a cazzare a prua e infine lasco un po’ la cima di poppa. Grazie ancora

Regolazione cime

Inviato: 03/12/2020, 19:14
da Topomoto
Un fattore che in pochi considerano al momento di regolare le cime in ormeggio è la marea o la risacca in caso di mareggiata. Se ci troviamo in presenza di banchina fissa (in cemento) o ancorata al fondo (pontile con bricole ad es.), il livello dell'acqua può variare anche di parecchi centimetri a causa della marea, come anche a causa di risacca in caso di mareggiata. Questo può determinare un ormeggio "impiccato", con relativo stress strutturale di bitte e barca, come anche, con forte risacca rispetto alle normali condizioni, un arretramento tale da finire in banchina.